Per la dodicesima volta di fila Microsoft MVP!

Per la dodicesima (12!) volta di fila ho ricevuto il premio Microsoft MVP (Most Valued Professional)!

E’ per me un onore, oltre che un piacere, che sottolinea l’impegno nei confronti della comunità tecnica rivolta al mondo di Microsoft SharePoint e Office 365.

Il premio, per l’anno 2019-2020, è ancora una volta riferito alla categoria Office Apps & Services.

Far parte, da oltre 12 anni, di questa élite esclusiva è motivo di soddisfazione ed orgoglio!

Roadmap su SharePoint Modern Pages da SPC19

Prosegue la mini serie sulle roadmap comunicate in occasione della recente SharePoint Conference 2019 di Las Vegas.
Questo post è dedicato alle novità in arrivo per le Modern pages, per le Modern web parts e per le nuove News dei siti SharePoint Online.

Risultati immagini per sharepoint logo

Available soon:

  • Rilascio dei Page templates
  • Audience targeting per le News, per le pagine e per gli Highlighted contents
  • Gestione delle Vertical columns
  • Introduzione delle Content Headers (con supporto del copia-incolla e del drag & drop, incluse le funzionalità di preview)
  • Funzionalità per a duplicazione di contenuto e porzioni di pagina
  • Arrivo di nuove web part moderne, tra cui Clock, Button, Call to action, e aggiornamento di alcune di quelle precedentemente rilasciate

Later this year:

  • Introduzione dei meccanismi per lo scheduling di pubblicazione di pagine e news
  • Gestione per la pubblicazione dei contenuti multilingua
  • Gestione dei metadata sulle pagine

Top of mind:

  • Gestione delle immagini migliorata
  • Maggiore ascolto dei contributi della community, attraverso UserVoice

Roadmap per OneDrive da SPC19

Prosegue la mini serie di post dedicata agli annunci e alle roadmap in occasione della SharePoint Conference 2019 (SPC19) di Las Vegas, dopo la prima serie avviata ieri.

Questo post è dedicato agli annunci in roadmap su OneDrive (che sempre meno, nella comunicazione ufficiale, viene definito “OneDrive for Business”).
Come spesso avvenuto, molte delle funzionalità anticipate per la gestione dei contenuti OneDrive sono poi state estese a tutte le document libraries di SharePoint (la genesi delle Modern Libraries insegna).

Risultati immagini per onedrive

Available soon:

  • Introduzione delle Recommended view
  • Nuove File cards con indicazione del tempo stimato per la lettura e gli Insights
  • Aggiunta delle opzioni per i Commenti anche per i file non Office
  • Visualizzatore in anteprima per le immagini 360°
  • Visualizzatore in anteprima per i file in formato Autocad
  • Opzioni per la Full-fidelity nella condivisione delle libraries
  • Introduzione dei Links protetti da password (forse sarà la volta buona che verranno dismessi i vecchi ed insicuri FTP Server o che si limiterà l’utilizzo di servizi cloud fuori controllo di condivisione file)
  • Nuovi Report relativi agli elementi condivisi con l’esterno dell’organizzazione (External Sharing)
  • Miglioramenti sulla UI per l’annotazione sui file PDF
  • Nuova esperienza utente anche per Outlook su iOS
  • Miglioramenti per il Sync Client (Incident deflection)
  • Miglioramenti per il supporto agli utenti del Sync Client (Self-help)
  • Nuovo Upload prompt per il Sync Client
  • Aggiornamenti per VDI (Files On-demand su Windows Server 2019)

Later this year:

  • Funzionalità per la richiesta di accesso ai file
  • Nuovi strumenti per far emergere la conoscenza implicita (Popular Around Me)
  • Funzionalità Save for later
  • Gestione della scadenza a tempo per la condivisione delle risorse con gli utenti esterni all’organizzazione
  • Introduzione della condivisione con AAD Guest platform sharing
  • Integrazione con la condivisione di Teams
  • Aggiornamento per i flussi di condivisione della library
  • Nuova UI per l’App OneDrive per iOS
  • Introduzione dei link di accesso diretto a specifiche slide di PowerPoint Online
  • Inserimento delle mention (@mention) con notifica email anche per i commenti sui documenti Office
  • Nuove modalità di installazione del Sync Client
  • Introduzione del Differential Sync

Top of mind:

  • Nuove funzionalità di reporting per l’amministrazione del Sync health
  • Introduzione del Dual-use value
  • Gestione dei file di grandi dimensioni
  • Supporto per i Metadata

Le Roadmap dalla SharePoint Conference 2019

Settimana scorsa si è svolta a Las Vegas la SharePoint Conference 2019 (SPC19). Come sempre, anche quest’anno, è stato il momento di annunci e comunicazione di roadmap.

Oggi inaugurerò una serie di mini post per descrivere le principali roadmap annunciate.
In molte sessioni infatti sono state presentate slides di riepilogo riferite alle novità in rilascio e in previsione, descrivendo le novità sulla base di tre categorie ricorrenti:

  • Available soon
  • Later this year
  • Top of mind

Iniziamo oggi con la roadmap (CY 2019) relativa alle funzionalità su SharePoint Team Sites and Business Apps:

Available soon:

  • Nuova esperienza utente per la gestione dei file su Teams e OneDrive
  • First run and tips and tricks help per gli Owners dei Team sites
  • Il ritorno, in chiave moderna, dei Document Set e relativa home page
  • Importazione/creazione di lista da altra lista e da Excel
  • Nuove formattazione di colonna per i campi numerici
  • Funzionalità PowerShell per estrarre la strattura (Site design) da un sito esistente, comprese le liste, il branding e le impostazioni di navigazione
  • Approvazione per l’aggiunta di siti all’Hub Sites

Later this year:

  • Miglioramenti per le funzionalità di Quick Edit
  • Nuove Card-based views per le liste, personalizzabili e responsive
  • Miglioramenti per la formattazione condizionale delle colonne per i campi rich text
  • Nuova tipologia di colonna di tipo Image
  • Arrivo delle Planner Cards all’interno della Site activity
  • Nuovi Office Enterprise Documents Templates
  • Nuove possibilità di personalizzazione per List forms
  • Personalizzazione dei form per le Document Libraries attraverso PowerApps
  • Introduzione della modalità di accesso Guest per PowerApps
  • Arrivo delle azioni di Check-in/out e di Grant Access per Flow

Top of mind:

  • Miglioramento delle performance per le Liste
  • Introduzione dei Column sets
  • Sostituzione dei vecchi Alerts con nuove logiche basate su Flow
  • Nuove List View Web Part consumando dati dinamici (rollup)
  • Generazione di Liste da altre liste, includendo anche i form personalizzati con PowerApps e Flow

Dopo le nuove icone di Office 365 prosegue il facelift

Il facelift di Office 365 prosegue con il rinnovamento della UI delle applicazioni Office, partendo dalla sostituzione delle icone dei programmi client:

In arrivo anche la nuova build di OneDrive for Business, che con l’arrivo della versione 19.074.0416.0001, sostituirà anche la storica icona-nuvoletta dell’applicazione dalla notification area della Task Bar di Windows:

Rammento che le due nuvolette, se presenti, rappresentano le componenti di sync (New Generation Sync Client) di OneDrive for Business (quella azzurra) e di OneDrive “consumer” (quella bianca).

Gantt View e Modern Lists

Mi è stato chiesto se sulle Modern Lists, disponibili su SharePoint Online e su SharePoint Server 2019, sono o saranno disponibili le visualizzazioni Gantt, che ben conosciamo dalla liste “classic” di SharePoint.

Al momento non sono disponibili, e -per quanto di pubblico dominio- non sono in roadmap. Del resto Microsoft ha rilasciato numerosi altri strumenti per la gestione dei tasks, a partire da Planner e To Do, per poi finire alla corazzata Project Online.

La comunità delle “terze parti” si sta muovendo per coprire questo “gap”, offrendo strumenti aggiuntivi che arricchiscono le capacità di gestione di task e progetti attraverso liste moderne SharePoint. Così come esistono progetti su GitHub che sfruttano SharePoint Framework per raggiungere questi scopi attraverso componenti Javascript e HTML5.

Esteso il DLP anche sulle Chat di Teams

Le funzionalità di DLP (Data Loss Prevention) di Office 365, raccolte all’interno della famiglia di Office 365 Information Protection, si estendono anche alla protezione dei contenuti delle Chat e dei Canali messaggi di Microsoft Teams.

Se quindi qualche utente dovesse scambiare informazioni considerate “classificate” all’interno di una Chat di Teams, le regole di DLP potrebbero intercettare l’evento a applicare azioni correttive (dalla segnalazione di un alert ad interventi più drastici.

Le funzionalità di DLP, già applicate al mondo Exchange Online, SharePoint Online e OneDrive for Business, sono strumenti estremamente utili per quelle organizzazioni che temono la perdita di conoscenza e informazioni, spesso legata ad eventi e comportamenti di dipendenti “infedeli” o in uscita dall’azienda.

Condividere informazioni SharePoint Online e OneDrive con i contatti Linkedin

Proseguono importanti rilasci su Office 365, come previsto dalla fitta roadmap, e tra questi segnalo che ci sarà la possibilità di condividere siti e documenti SharePoint Online e OneDrive for Business anche ai propri contatti Linkedin.

La funzionalità è la stessa già conosciuta e utilizzata da tempo per collaborare con utenti esterni all’organizzazione del proprio Tenant Office 365, che quini non dovranno disporre necessariamente di un proprio account Office 365 (della propria organizzazione) o di un Microsoft Account (i vecchi Live ID).

Altra funzionalità in rilascio (prevista in Public Preview per Aprile 2019) sarà la possibilità di condividere i documenti con link protetti da password. In questo caso l’utente che riceverà il link (e che conoscerà la password ad esso associata) potrà accedere il documento senza alcun “ostacolo” di account.

Anche Windows 7 verso la fine del supporto… siete pronti?

Windows 7 è (o è stato) uno dei sistemi operativi desktop Microsoft più apprezzati, con spesso anche una buona ripresa dei pareri positivi dopo la non felicissima parentesi del sistema operativo Windows Vista.

Il 14 gennaio 2020 Microsoft terminerà il supporto a Windows 7. L’annuncio verrà recapitato agli utilizzatori di Windows 7 il 18 aprile 2019, quando Microsoft cercherà di spingere anche questi utenti verso l’upgrade a Windows 10.

Per il mondo aziendale sarà previsto un supporto aggiuntivo (altri tre anni, fino al 2023), ma a pagamento (25$ il primo anno e 50$ il secondo, per dispositivo).

Inoltre, secondo le indiscrezioni, il costo per chi vorrà continuare ad utilizzare Windows 7 corrisponderà ad un abbonamento di 100$ per dispositivo…

In molti casi, pensando ad un utilizzo personale o domestico, non credo ci siano molte ragioni per non fare l’aggiornamento (considerando anche le numerose agevolazioni all’adozione di Windows 10).
Nel caso del panorama enterprise, spesso i vincoli sono legati ad applicazioni business, che non sono state “certificate” per Windows 10 dai produttori. E’ spesso la stessa ragione che vincola ancora molte aziende ad utilizzare il browser Internet Explorer come browser di default (o a volte unico browser) per l’utente. Qui servirebbe farsi una bella domanda rispetto alle scelte fatte nelle software/vendor selection e servirebbe pensare anche alle responsabilità dei decisori IT
Non credo giusto dare l’intera responsabilità alla velocità di cambiamenti e rilascio di nuove versioni da parte di Microsoft… pensando al fatto che Windows 7 è stato lanciato nel luglio del 2009 (10 anni fa).

Secondo Statscounter, questa è la diffusione mondiale delle versioni del sistema Windows, con ancora quasi il 34% dei PC ancora ancorati a Windows 7. Dalla stessa statistica appare chiaro come molti utenti (o aziende) abbiano “saltato” il passaggio a Windows 878.1, oppure l’abbiano già superato aggiornandosi a Windows 10.

Proteggersi dai Ransomware su OneDrive for Business

Windows Defender, l’antivirus “di serie” di Windows 10, ha esteso le sue funzionalità di controllo, non limitandosi alla protezione del PC, ma estendendo i controlli anche al mondo OneDrive for Business.

In particolare, per OneDrive for Business, è possibile attivare un controllo nei confronti dei Ransomware, ossia il maleware che -una volta attaccato il file system dell’utente- cifra i contenuti , rendendoli inutilizzabili, e richiede un riscatto per ottenere lo sblocco dei file.

Per attivare questo controllo supplementare è sufficiente accedere al Windows Defender Security Center e configurare la connessione verso il proprio OneDrive for Business, cliccando sul pulsante Set up OneDrive.

Dopo aver impostato la connessione a OneDrive, specificando le proprie credenziali, è possibile cliccare sul link Ransomware protection e attivare la funzionalità spostando lo switch su On.
Da questa pagina è inoltre possibile impostare il controllo anche su specifiche folder di OneDrive fo Business, cliccando sul link Protected folders.

Share Your Knowledge!