Spedire e-mail con allegati fino a 150 MB

Non è esattamente un comportamento “educativo” alla Netiquette… ma Microsoft ha annunciato l’estensione dei limiti di dimensione per gli allegati e-mail su Exchange Online, in Office 365.

L’impostazione di default resterà quella attuale, ossia pari a 25 MB, ma gli amministratori potranno espandere il limite fino a 150 MB!

Office 365 now supports larger email messages 1 v2

 

Le impostazioni possono essere configurate anche tramite Powershell, ad es:

Set-Mailbox -Identity alias@domain.com -MaxSendSize 75MB -MaxReceiveSize 75MB

Ricordo infine che uno degli altri benefici di Office 365 è quello della dimensione delle mailbox di Exchange Online, che è oggi arrivato a quota da 50 GB (ma che, vista la tendenza, non mi stupirei che crescesse ancora :-)).

Aggiornamenti sulla Roadmap di SharePoint 2016

Rispetto a quanto precedentemente anticipati (anche se mai ufficialmente), SharePoint 2016 pare non uscirà entro la fine di quest’anno… ma la roadmap aggiornata segnala che la beta pubblica di SharePoint 2016 verrà rilasciata nell’ultimo trimestre del 2015, mentre la versione RTM è prevista per la primavera del 2016.

Anche Dan Holme ne parla e traccia anche alcune delle caratteristiche che ci potremo aspettare in SharePoint 2016.

SharePoint Server 2016 Update

Microsoft si compra Datazen

Microsoft ha acquisito Datazen, una delle più importanti piattafome per la mobile business intelligence.

Visual02

I titolari di licenza di SQL Server 2008 o successive, Enterprise edition con software assurance, hanno il diritto di adottare Datazen Software senza costi aggiuntivi.

Una buona mossa e, come dice anche Marco Russo, speriamo non “brucino” il prodotto, come avvenuto per ProClarity…

Quanto sono effettivamente utilizzati i Corporate Social Networks?

La mia personale esperienza racconta che dopo aver introdotto strumenti per l’Enterprise Social, quali ad esempio Yammer, su realtà che già disponevano di una intranet aziendale (SharePoint), si sono verificati alcuni fenomeni:

  1. alcuni utenti che erano restii ad utilizzare SharePoint hanno iniziato ad utilizzare Yammer
  2. gli strumenti mobile, resi disponibili da Yammer (e in parte residua da SharePoint) hanno stimolato ad un maggiore utilizzo “remoto”, anche quando si è fuori ufficio
  3. dopo un primo momento di “disorientamento” (che andrebbe sempre supportata da iniziative formative e di lancio del nuovo strumento), è aumentata la consapevolezza di ruoli differenti tra le due piattaforme, sfruttando Yammer per la comunicazione (riducendo l’utilizzo di email e distribution list) e SharePoint per gli aspetti di collaboration e condivisione documentale.

Guardandosi in giro, ho trovato una ricerca di Altimeter Group, condotta su un campione di 250 dipendenti provenienti da 55 aziende, dove appare abbastanza chiara una minore affezione verso i corporate social network:

W150402_LI_CORPORATESOCIAL

L’articolo poi ne argomenta le ragioni, e credo –a mio avviso- vada interpretato l’utilizzo di strumenti diversi per interazioni diverse.

Microsoft e il Cloud

Recentemente i Microsoft Partner si sono riuniti per l’evento europeo, in vista della consueta Worldwide Partner Conference estiva, e tra i temi in evidenza indubbiamente quello del Cloud.

I dati di penetrazione del cloud sono davvero importanti, e l’Italia sta facendo la parte del leone (come rappresentato dalla foto qui sotto, di cui ringrazio @AndreaPescino):

image

In questi giorni mi è inoltre capitato di leggere, sul sito dedicato ai MS Partner, qualche numero interessante, a testimonianza del ruolo centrale del cloud nelle strategie di Microsoft:

Microsoft Office 365

• 77% of Fortune 500 companies have purchased it in the past 12 months
• With a US$2.5 billion run rate, it’s Microsoft’s fastest growing business
• Microsoft Office 365 posted triple-digit growth for 21 consecutive months
• Microsoft partners have accounted for 3/4 of the sales to Microsoft Office 365 customers

Microsoft Azure

    • 57% of Fortune 500 companies are using Microsoft Azure
    • Welcomes 1,000 new customers per day
    • Currently 1.2 million businesses and organizations use Microsoft Azure Active Directory
    • Microsoft Azure gains two times the compute and storage capacity every 6-9 months

Microsoft Dynamics CRM Online

    • Features US$4.25 million users and 40,000 customers
    • Posted double-digit growth for 40 consecutive quarters
    • Over two years, doubles subscription revenue per partner
    • 15% compound annual growth rate through 2018 for CRM app software

Office 365 è lento? Ecco Azure ExpressRoute

Qualcuno lamenta la lentezza o la poco predicibile velocità di connettività tra la propria infrastruttura aziendale e Office 365.

Del resto ben sappiamo che normalmente si utilizza una connettività Internet pubblica per accedere ai servizi di Office 365, con i conseguenti vantaggi (costi) e svantaggi (instabilità).

Oggi Microsoft ha annunciato un nuovo servizio chiamato Azure ExpressRoute, grazie al quale un cliente di Office 365 può decidere di attivare una connettività a banda garantita (MPLS) verso Azure e da qui raggiungere Office 635 attraverso Azure ExpressRoute.

ExpressRoute granatisce la qualità di banda e la disponibilità del servizio con gli abituali SLA del 99,9%.

Azure ExpressRoute 1

Disponibile la Technical Preview di Office “16”

Ieri è stata aperta al grande pubblico la sperimentazione della nuova beta di Microsoft Office 2016 (o come spesso definita “16”).

Anche io non ho perso molto tempo e ho iniziato a testare la beta che oggi è abbastanza acerba, e quindi molto vicina alla precedente versione).

image

Per chi volesse cimentarsi con la beta, rammentando prudenza (quindi magari installate su una VM il nuovo client), ecco il link per richiedere l’accesso alla Technical Preview.

InfoPath Forms Services, cambio di rotta

In molti ricorderanno gli annunci di Microsoft, circa un anno fa, dove fu annunciata la dismissione di InfoPath e dei Forms Services, gettando in molti nel panico o nello sconforto… non avendo annunciato una via equivalente (solo rumors parlarono di “SharePoint Forms”) e di un migration path.

L’annuncio fu molto chiaro, poi confermato durante la Microsoft SharePoint Conference 2014 di Las Vegas, sottolineando che, pur garantendo il supporto fino al 2023, non ci sarebbe stata una nuova versione di InfoPath e che non sarebbe stata più la presenza dei Forms Services nella prossima versione di SharePoint on-premises e su Office 365.

La settimana scorsa Microsoft, ascoltando i feedback e le richieste della comunità, Microsoft a modificato la sua decisione di un anno fa e ha annunciato che gli InfoPath Forms Services saranno presenti anche su SharePoint Server 2016, la prossima release on-premises del prodotto.

Questo conferma che non ci sarà una nuova versione del client di InfoPath (comunque supportato fino al 2023), ma anche che i form InfoPath realizzati sulla piattaforma 2013 potranno essere migrati alla prossima versione del prodotto.

Rispetto al supporto dei forms su Office 365 l’annuncio resta un po’ sul vago, dichiarando che saranno supportati fino a nuove comunicazioni in merito…

image

Questo l’estratto della comunicazione del team:

As part of the update shared around the Evolution of SharePoint and the next SharePoint Server on-premises release, we are also updating the timelines for removal of InfoPath Forms Services components of SharePoint and SharePoint Online. Specifically, InfoPath Forms Services will be included in the next on-premises release of SharePoint Server 2016, as well as being fully supported in Office 365 until further notice. Customers will be able to confidently migrate to SharePoint Server 2016 knowing that their InfoPath forms will continue to work in their on-premises environments, as well as in Office 365.

The InfoPath 2013 application remains the last version to be released and will work with SharePoint Server 2016.

Alla caccia di uno sviluppatore SharePoint

Molti conoscono Green Team, la mia azienda, che spesso viene identificata come “la SharePoint Company”.

Abbiamo deciso di rinforzare ulteriormente la squadra (da inizio anno sono state assunte tre persone), e siamo ora alla caccia di uno SharePoint Developer.

Evito di fare i complimenti su noi stessi, ma credo che Green Team sia un bel posto dove crescere e lavorare. Ho detto crescere, perché gli stimoli non mancano.

Per chi fosse interessato suggerisco di dare un’occhiata alla pagina di job posting e seguire le istruzioni.

Sempre più svelate le informazioni su SharePoint 2016

In più occasioni sono stati fatti “mezzi annunci” rispetto alla prossima versione on-premises di Microsoft SharePoint, consapevoli che Microsoft ha indirizzato gran parte delle proprie energie nella crescita di SharePoint Online e Office 365.

Ora iniziano a trapelare le comunicazioni ufficiali. Sarà chiamato SharePoint 2016 e verrà rilasciato nella seconda metà del 2015.

Gli annunci arrivano sia dalle fonti di stampa autorevoli (Mary Joe Foley) che dal blog ufficiale del team di prodotto.

Le parole chiave della v-next saranno experiences, management, extensible.

Finalmente aumenteranno le opportunità di integrazione tra Online e On-premises, rendendo possibili scenari ibridi:

Main graphic - new - 020215

Al prossimo Microsoft Ignite di maggio a Chicago sono state inserite diverse sessioni che lasciano trapelare dal titolo un po’ di novità sul tema…

Prepariamoci a studiare!