Category Archives: Business Intelligence

Microsoft si compra Datazen

Microsoft ha acquisito Datazen, una delle più importanti piattafome per la mobile business intelligence.

Visual02

I titolari di licenza di SQL Server 2008 o successive, Enterprise edition con software assurance, hanno il diritto di adottare Datazen Software senza costi aggiuntivi.

Una buona mossa e, come dice anche Marco Russo, speriamo non “brucino” il prodotto, come avvenuto per ProClarity…

Workshop Cloud BI con SharePoint Office 365 e Power BI

Ho il piacere di segnare che l’11 e 12 novembre 2014 si terrà, presso il Microsoft Innovation Center di Peschiera B. (MI) il Workshop Cloud BI con SharePoint Office 365 e Power BI.

Si tratta di un training tecnico erogato “a due voci” da Igor Macori e Franco Perduca.

Due giorni di formazione sulla Business Intelligence offerta da Power BI e dalle potenzialità di SharePoint Online su Office 365.

Per chi si iscrive entro il 03/11/2013 il prezzo scontato è di 350€+IVA a partecipante, per poi passare a 500€+IVA.

Aggiornamento per Excel Power Map

Excel Power Map è uno dei componenti di estensione per Excel, nell’ambito dei servizi Power BI di Office 365 che permette di creare mappe “vive”, collegate a sorgenti dati, realizzando efficace rappresentazioni per la data visualization.

E’ stato rilasciato un aggiornamento (September update) che arricchisce Power Map introducendo:

  • List filter
  • Range filter
  • Advanced filter
  • Custom maps

Particolarmente interessanti le opportunità offerte dalle Custom maps, come descritto da questo video.

Excel Custom Maps

Per gli utenti con sottoscrizioni Office 365, per ottenere l’aggiornamento, aprire Excel, cliccare su File, quindi su account e scegliere il comando Update now dalle Update options.

Rilasciato Power BI Connectivity to SAP

Prosegue la lunga lista di novità e rilascia, in gran parte annunciati alla SPC di Las Vegas del marzo scorso.

Oggi è il turno dell’annuncio di Power BI Connectivity to SAP BusinessObjects BI, ora in general availability.

Si tratta ovviamente di un componente dell’offerta Power BI di Office 365, che abilita verso interessanti scenari di integrazione con i dati e le applicazioni gestire su SAP.

image

E’ ora possibile utilizzare Power Query for Excel per leggere dati direttamente da SAP, garantendo (come si legge sul blog del team di prodotto):

  • Seamless access to trusted enterprise data – connect to the latest, accurate, and trusted data from an SAP BusinessObjects BI Universe including SAP BW and SAP Business Suite.
  • Business friendly semantics in familiar business tools – easily work with data by navigating dimensions, measures, and business views from an SAP BusinessObjects BI Universe directly in Excel.
  • Combining data from within and outside your organization – discover and combine SAP data with public, corporate and big data sources such as Microsoft Azure HDInsight.
  • No hassle data refresh on-premises – refresh your data without a manual process on-premises.
  • Deep interactive analysis and visualization – explore and present your data from an SAP BusinessObjects BI Universe visually through charts, graphs, and a 3D map experience.

E’ anche disponibile un video che aiuta a chiarirsi le idee.

Call For Paper aperti per SPOC 2014

Da qualche giorno sono attive le richieste di contributi per stilare l’agenda e la rosa degli speaker della prossima edizione della SharePoint & Office Conference 2014.
C’è tempo fino al 7 gennaio 2014.

Sono inoltre aperte le iscrizioni (con la possibilità, iscrivendosi entro fine anno, di beneficiare di 300€ di sconti) e la candidature per le aziende che desiderano diventare sponsor di SPOC 2014.

Anche Office 365 finisce nel “magic quadrant” di Gartner

Si discute spesso sull’utilità e sulla validità dei giudizi espressi dai vari analisti, ma è senza dubbio vero che i “magici quadranti” delle analisi di Gartner sono tra i risultati più ambiti di produttori e vendor.
Non è un segreto che molti manager e CIO si affidano a queste analisi per consolidare le proprie scelte (o, come dicono i maligni, per coprirsi le spalle…).

Il Magic Quadrant è per intenderci quello in altro a destra, dove gli analisti posizionano prodotti o produttori “Leader”.

Leading technology research company Gartner, Inc. has recognized Microsoft based on its evaluation of Office 365 and placed it as a “leader” in eight of the firm’s 2012 and 2013 Magic Quadrant reports.

Sul blog del team di Office 365 sono state pubblicate diverse informazioni interessanti, tra cui:

  • Oltre 1 miliardo di persone nel mondo utilizza Microsoft Office.
  • 2 persone su 3 impiegate nelle aziende enterprise lavora con Microsoft SharePoint.
  • L’84% del volume di traffico di posta elettronica gira su Microsoft Exchange.
  • Un quarto dei clienti enterprise di Microsoft ora usa Office 365.
  • Il 90% delle aziende “Fortune 100” usa Microsoft Lync.

Parlo quindi dei pilastri che compongono l’offerta di Office 365, e che sono anche individualmente declinati sui mitici quadranti di Gartner:

imageimage
imageimage
imageimage

Fonte

Introdotte le Query con Linguaggio naturale su Power BI

Nella preview degli strumenti Power BI (gli strumenti orientati alla self-service BI, descritti su un post di qualche giorno fa) sono arricchiti da un nuovo e potente strumento in grado di interpretare query scritte in linguaggio naturale, eseguendole sulle sorgenti dati e per la Business Intelligence.

Nel seguente video è possibile farsi una rapida idea delle potenzialità!

Power BI

 

Power BI, la self service Business Intelligence… e non solo

Sotto il titolo “Power BI” Microsoft sta via via concentrando i diversi strumenti per la Business Intelligence, ed in particolare quelli che seguono la filosofia della “self-service BI”.

Spesso tendo a confondere un po’ i nomi dei vari strumenti “Power *”… ma per capirci sto parlando di Power View, Power Query, Power Map, … che si vanno ad aggiungere al già noto Power Pivot.

E’  possibile richiedere accesso alla versione Preview dei nuovi strumenti Power BI.

Il primo passo della diffusione degli strumenti Power BI è orientato ad arricchire Microsoft Excel 2013, estendendone le capacità per la self-service BI.

Data visualization and geospatial analysis with Power View and Power Map.

La strategia Microsoft non si fermerà qui però, arricchendo anche SharePoint delle controparti server dei componenti Power BI.

Oggi alcuni degli strumenti server-side per a BI stanno soffrendo le precedenti scelte di realizzare interfacce in Silverlight… oggi poco pratiche per l’utilizzo da tablet e device mobili.
Da qui la volontà di sostituire queste interfacce con nuove funzionalità realizzate in HTML 5, e ripensate per una fruizione non solo attraverso mouse e tastiera, ma anche tramite dispositivi touch.

Da qui anche l’annuncio di vere e proprie Apps (attualmente in versione Alpha), da utilizzare sui tablet (prima Windows 8.x e poi iPad), con esperienza utente ancora più touch-oriented e persino capacità di gestione offline di parte dei dati da analizzare.

Access your data from anywhere with the Power BI mobile client.

Nella comunità c’è ancora forte dibattito, sia sulle preferenze tra self-service BI e corporate BI, che rispetto agli annunci da parte di Microsoft di privilegiare SharePoint Online su Office 365 come primo ambiente dove saranno disponibili le controparti Power BI lato server.

Molti clienti ed utilizzatori contestano in parte questa scelta, reclamando un tempestivo rilascio delle equivalenti funzionalità BI per SharePoint Server 2013 on-premises.
Sono convinto che si tratterà soltanto di tempi diversi, dove –come ho più volte scritto- ben sappiamo che la velocità di nuovi rilasci su Office 365 è molto più intensa di un ciclo di versioni di prodotto tradizionale (per quanto non sarebbe una novità trovarsi l’aggiunta di nuove funzionalità attraverso il rilascio di un service pack).

Una delle resistenze verso l’adozione di strumenti BI legati ad Office 365 è la difficoltà (e a volta la non volontà) di esposizione di dati aziendali (solitamente legati all’ERP aziendale)… e in tal senso Microsoft ha annunciato Data Management Gateway, un nuovo componente del Microsoft Cloud di Azure pensato per agevolare la pubblicazione di dati aziendale da far consumare agli strumenti di Power BI.
Data Management Gateway sarà da analizzare per bene, e le potenzialità non mancano: esponendo in forma sicura i dati BI di SQL Server attraverso il protocollo OData (sostanzialmente tramite servizi REST).

SharePoint 2013 e la Business Intelligence

Passano le versioni di prodotto e sempre maggiori sono le convergenze tra il mondo SharePoint e quello SQL Server in materia di Business Intelligence (BI).

Con SharePoint Server 2013 (ma anche con SharePoint Online di Office 365) e SQL Server 2012 (SP1) sono tanti i legami, che posizionano SharePoint come l’interfaccia ideale per realizzare l’ambiente BI per analisti e manager impegnati a valutare i dati dell’azienda e sfruttare gli strumenti a supporto delle decisioni.

La visione della BI da parte di Microsoft immagina due macro-visioni:

  • Enterprise o Corporate BI
  • Self-service BI

La prima forma di BI è rappresentata da portali BI, realizzati ovviamente all’interno di SharePoint, dove analisti e manager possono trovare dashboard (cruscotti), report, pivot table e grafici visualizzati attraverso Excel Services, schemi e diagrammi di data visualization costruiti attraverso Visio Services e molto altro.
L’idea è quella di offrire all’utente un ambiente “controllato” dove poter esaminare i dati, sfruttando logiche e interfacce preparate da colleghi ed analisti più esperti.

La seconda forma di BI, su cui Microsoft sta sempre più affermando la sua posizione dominante, sfrutta la ricca eredità di utilizzatori Excel (lo strumento principe per chiunque avvii una primordiale esigenza di analisi sui dati). Milioni di utenti Excel, più o meno esperti, pronti a sfruttare l’applicazione client per “giocare” in ottica “self-service” con dati provenienti dai cubi di Analysis Service e più in generale dalle fonti autorevoli e certificate. L’aggiunta di add-in per Excel (più o meno “di serie”), quali PowerPivot, PowerView e GeoFlow offrono all’analista enorme flessibilità e capacità di realizzare report ricchi ed efficaci.

image

Per chi fosse interessato ad avvicinarsi al mondo delle applicazioni degli strumenti BI di Microsoft, suggerisco di seguire le sessioni video registrate da Tavis Lovell di SharePoint911-Rackspace sui seguenti argomenti:

  • PowerPivot
  • Excel Services
  • Power View
  • Reporting Services
  • PerformancePoint Services
  • Visio Services