SharePoint Server 2019 Preview

Chi legge questo blog sa bene che mi occupo di SharePoint dalla sua nascita, nel lontano 2001, quando ancora si chiamava con il code-name “Tahoe“… qualcuno di voi avrà forse avuto un brivido di nostalgia, altri avranno rivissuto qualche vecchio incubo…

Come previsto, visto che Microsoft ha sempre dichiarato la strategia cloud first e non cloud only, molte delle nuove funzionalità introdotte negli ultimi mesi su SharePoint Online sono ora presenti anche nell’imminente nuova versione del prodotto on-premises: SharePoint Server 2019.

La preview pubblica della nuova versione della piattaforma è stata annunciata la scorsa settimana da Bill Baer, anticipando poi il tam-tam dei social e dei canali ufficiali Microsoft.

 

2019Hero.png

Tra le principali novità:

  • Modern Sites, Pages, Lists, and Libraries
    • Creation Lists based on Excel templates
    • Real time updates
    • Row Formatting
      Row Formatting in SharePoint 2019
  • Team News and Modern Pages
    • Page Tagging
    • Modern Web Parts (Weather, Image, Document Library and lists, Stream)
    • App Pages (full-width pages)
    • New areas for application customizer extensions
    • Removable Vertical navigation on Team Sites
  • SharePoint Home
  • Communication Sites
  • SharePoint Spaces (mixed reality)
  • OneDrive Sync Client
  • Improved hybrid support and scenarios
  • New developer options
  • Improved support for business process with PowerApps and Flow
  • SPFx Web Parts
  • SPFx Extensions

Gli amici di Metalogix hanno cercato di riassumere su una tabella di comparazione le funzionalità, nella loro evoluzione, osservate nelle diverse versioni di SharePoint: The-Unofficial-SharePoint-Comparison-Chart

La versione Preview è disponibile per il download, e si rammenta che -come sempre accaduto- non è prevista la possibilità di fare upgrade dalla versione Preview alla RTM finale, quando arriverà (fine 2018).

SPS Milan ritorna

Ieri abbiamo annunciato la prossima edizione italiana di SharePoint Saturday.

L’evento tecnico-formativo, rigorosamente gratuito, sarà nuovamente a Milano, presso l’Enterprise Hotel, il 6 ottobre 2018.

La macchina organizzativa è già partita, e presto verranno annunciati i call for speaker e l’adesione degli sponsor (i primi sono già arrivati!).

L’aspetto sponsor è importante, per poter garantire la copertura dei costi dell’evento (ricordo che non ci sono contributi da parte di Microsoft, ma che si tratta di un puro evento community). Questo aspetto va sempre ricordato anche ai partecipanti, che dovrebbero dimostrare riconoscenza non solo agli organizzatori… ma anche a chi finanzia e rende possibile la conferenza.

Come sempre sarà l’occasione per vivere un fondamentale momento di aggregazione delle community di SharePoint ed Office 365, e per seguire le sessioni dei migliori speaker internazionali.

Stay tuned!

Microsoft SharePoint Migration Tool v2

E’ stata da poco rilasciata pubblicamente la versione 2 in beta dello SharePoint Migration Tool di Microsoft, utile per trasferire contenuti documentali da File Share e da SharePoint on-premises a SharePoint Online.

Update 10/05/2018: la versione 2 del tool è ora annunciata in Global Availability.

Con la v2 il supporto è esteso alla migrazione dei seguenti oggetti:

  • GenericList
  • DocumentLibrary
  • Survey
  • Links
  • Announcements
  • Contacts
  • Events
  • Tasks
  • DiscussionBoard
  • PictureLibrary
  • XMLForm
  • GanttTasks
  • Posts
  • Comments
  • Categories
  • MySiteDocumentLibrary
  • IssueTracking

Auto-Acceleration in SharePoint Online

Su Office 365 è ora supportatala funzionalità dell’Auto-Acceleration in SharePoint Online.

In sintesi, si tratta di una configurazione che permette, per l’intero tenant SPO, di specificare un endpoint di autenticazione ADFS, senza “soffrire” dei tempi di redirect di autenticazione tra Login.Microsoftonline.com e l’ADFS della propria organizzazione.

Di fatto l’accelerazione consiste nel minor numero di redirect e di prompt di login all’utente.

Il sistema è in grado di gestire le eventuali risorse SharePoint Online condivise verso l’esterno dell’organizzazione (dove non avrebbe senso cercare di autenticare gli utenti sull’ADFS), da quelle ad uso interno… gestendo così selettivamente la scelta dell’autenticazione diretta su ADFS (e quindi più veloce) rispetto alle risorse che hanno ancora bisogni di transitare dall’interfaccia di autenticazione di Office 365, proprio per consentire l’accesso anche agli utenti esterni.

La configurazione si gestisce attraverso il comando Powershell Set-SPOTenant, con una sintessi di questo tipo:

Set-SPOTenant –SignInAccelerationDomain "greenteam.it"

Per maggiori informazioni:

Avviato il rollout dei nuovi HUB Sites su SharePoint Online

 

Ne avevo parlato come novità annunciata ad Ignite 2017, e annunciata qualche mese fa come terminata nelle fasi di sviluppo. Ecco finalmente in arrivo i nuovi HUB Sites di Office 365.

Il rilascio partirà, già entro la fine di marzo, partendo come sempre dai Tenant Office 365 che aderiscono all’opzione “Targeted Release” (ossia alla possibilità di ricevere in anteprima le nuove funzionalità), per completarsi per tutti i clienti Office 365 verso metà maggio 2018.

Questa nuova funzionalità potrà giocare un ottimo ruolo nella riorganizzazione dei siti SharePoint Online e della progettazione dell’architettura delle informazioni delle intranet o dei sistemi Office 365.

Oltre al mio post, dove annunciavo la funzionalità, segnalo un paio di video (il primo è introduttivo del concetto ed il secondo è un webinar più esteso):

 

Oltre 425 reports per la gestione di Office 365 da AdminDroid

Nei giorni scorsi ho avuto l’occasione di esaminare AdminDroid, un tool a supporto degli amministratori di Office 365 che offre una ricca gamma di report (oltre 425 al momento, ma in costante aumento).

Il tool è liberamente scaricabile e testabile, ma è gratuito solo per una parte dei report (circa 100), mentre prevede una sottoscrizione per la versione full (dai 49 ai 198 USD/anno).

Queste le principali tipologie di report:

  • Azure Active Directory (30 reports)
  • Exchange Online (38 reports)
  • SharePoint Online (35 reports)
  • OneDrive for Business  (11 reports)
  • Skype for Business (22 reports)
  • Yammer (20 reports)
  • Microsoft Teams (16 reports)
  • General Office 365 Reports (9 reports)
  • Auditing (200+ reports)

Cambiamenti in arrivo nella condivisione per gli External Users su SharePoint Online e OneDrive for Business

Sono in arrivo novità per chi utilizza le funzionalità di condivisione verso gli utenti esterni all’organizzazione su SharePoint Online e OneDrive for Business, in Office 365.

Oggi uno degli automatismi più criticati dagli amministratori di Office 365 è l’impostazione di default che consente la condivisione “with Everyone”… che permette, spesso nella distrazione degli owner di siti SPO e OD4B, di condividere file o cartelle a tutti gli utenti autenticati, inclusi gli External Users in qualche forma autorizzati ad accedere al altre parti di contenuto dell’organizzazione.

Pur consapevoli che non è mai una buona pratica condividere qualsiasi cosa “con tutti quanti”, ma che è da sempre suggerita la condivisione verso i membri di security groups, dobbiamo fare i conti con la UI di Office 365, che sempre più spesso espone configurazioni di default discutibili ed estremamente permissive. Il tutto con l’intento, da parte di Microsoft, di semplificare le operazioni per l’utente finale.

Siamo tutti d’accordo sulla bontà della semplificazione per l’end user, che senza dubbio porta ad una maggiore diffusione della tecnologia e ad una più ampia adozione di Office 365, ma non possiamo ignorare gli aspetti di sicurezza e di governance.

Dal 23/03/2018 Microsoft farà un primo “cambio di rotta”, correggendo le impostazioni di default… un po’ troppe permissive (pericolose, aggiungo io), e se si sceglierà di condividere qualcosa “con tutti quanti”… non verranno autorizzati gli External Users ma solo quelli membri dell’organizzazione del Tenant.

File anonimi su Office 365

Uno degli aspetti spesso sottovalutati dagli utenti di Office 365 è la possibilità (molto comoda per certi aspetti, ma altrettanto ricca di potenziali insidie) di condividere contenuti attraverso Guest Links.

I Guest Links, utilizzabili sia su OneDrive for Business che sui siti SharePoint Online (se abilitati), permetteno di condividere il contenuto anche ad utenti esterni, senza la necessità di autenticarsi a Office 365 e quindi senza la necessità di possedere Microsoft o Organizational Accounts.

Molto comodo per utilizzare Office 365 “alla WeTransfer, ma ovviamente pericoloso per l’eventuale perdita di controllo sui contenuti… sarà infatti conoscere il Guest Link per accedere al file, e potrà farlo chiunque.

Nei mesi scorsi Microsoft ha introdotto la possibilità di definire una “scadenza” per i Guest Links, che quantomeno tampona la possibile emorragia di contenuto… pensando agli utenti distratti, che potrebbero condividere anonimamente file… e poi dimenticarsene.

Si tratta di un’impostazione definibile come Sharing setting a livello di pagina amministrativa di SharePoint Online:

Esiste un modo per verificare se abbiamo “dimenticato” qualche documento condiviso anonimamente, utilizzando il motore di ricerca ed eseguendo questa query:

https://www.office.com/search?auth=2&home=1&q=ViewableByAnonymousUsers%3Dtrue

Nemmeno in campagna elettorale…

L’Italia (e gli italiani) stanno vivendo una campagna elettorale sempre più intensa, in vista delle prossime elezioni politiche, ed i candidati non si stanno risparmiando nei colpi, più o meno scorretti.

In questi giorni si sta però anche registrando un altro tipo di “scontro”, tra due dei principali vendor di strumenti per SharePoint e Office 365.
Mi riferisco ad AvePoint e Metalogix.

AvePoint ha pubblicato sul proprio blog un annuncio che evidenzia che Metalogix (il principale competitor) è in vendita… facendo trasparire la ridotta affidabilità dell’azienda e uno scarso futuro per l’evoluzione dei prodotti… annunciando contemporaneamente una campagna di “competitive upgrade”, per convincere i clienti Metalogix verso la transizione ai prodotti AvePoint.

Metalogix, dal canto suo, ha risposto all’aggressiva comunicazione AvePoint (credo al limite della scorrettezza, secondo i miei canoni) con la propria contraerea, scomodando il proprio CEO Trevor Hellebuyck, che ha postato l’articolo “Metalogix is forever“, restituendo una frecciata di veleno nei confronti dei metodi (e dei prodotti) espressi dai rivali.

La mia azienda, Green Team, è partner storico di entrambi i vendor… e sinceramente vorrei prendere le distanze da queste modalità di comunicazione e da questi approcci commerciali che considero poco eleganti, e probabilmente poco corretti.