Category Archives: Mobile

Resoconto di fine anno

Come ormai tradizione (nemmeno fosse il messaggio alla nazione Smile) ecco il post di fine anno, su questo blog aperto da oltre 11 anni.

Durante le ferie invernali, i quei giorni solitamente più tranquilli tra Natale e Capodanno, è mia abitudine riflettere sui 12 mesi passati. Solitamente lo faccio con considerazioni professionali, a volte condite da valutazioni sul piano personale.

Il 2014 è trascorso spedito, con diversi importanti progetti lavorativi completati, ripercorrendo i post più significativi dell’anno:

Gennaio.
Il primo gennaio è arrivato, per il settimo anno consecutivo, il gradito premio MVP for SharePoint Server.
Microsoft ha annunciato l’addio… o meglio il “rename” di SkyDrive, dando vita a OneDrive e OneDrive for Business.
La community degli SharePointers si è data appuntamento al primo SharePoint Saturday romano, il 25 gennaio.

Febbraio.
Microsoft ha annunciato, con grande sorpresa generale, che non avrebbe proseguito lo sviluppo di InfoPath, facendo nascere molti dubbi e incertezze sul futuro dei forms e sui possibili upgrade path.
E’ stata pubblicata l’agenda della SharePoint & Office Conference 2014, con cinque mie sessioni in agenda (a cui più avanti si aggiungerà una round-table).
In Microsoft c’è stato il cambio di CEO, con l’addio a Steve Ballmer (dopo tanti anni) e l’arrivo di Satya Nadella, che ha avviato una serie di importanti riforme.
In Green Team, più o meno in corrispondenza con il 23° compleanno dell’azienda, inauguriamo i nuovi uffici ristrutturati.

Marzo.
Insieme a Riccardo ho partecipato alla Microsoft SharePoint Conference 2014 di Las Vegas, dove Microsoft ha confermato i messaggi “cloud first”, annunciando anche il rilascio di una nuova versione di SharePoint on-premises per il 2015, la sempre più forte integrazione tra Office 365 e Yammer, il rilascio di Office Graph/Oslo (poi denominato Delve), Power BI, Video Portal e altre novità all’insegna del cloud.
Ho registrato tre webcast per conto di Microsoft Italia su Office 365 e SharePoint Online.
Microsoft ha rilasciato Office per Android, avviando l’azione di “distensione” verso le piattaforme mobile dei competitor.

Aprile.
E’ stato rilasciato e poi tempestivamente ritirato-rilasciato (come da tradizione) il Service Pack 1 per SharePoint 2013.
Nokia mi ha coinvolto per testare il nuovo Lumia 1320, di cui ha scritto una recensione.
La preparazione per la SharePoint & Office Conference 2014 è proseguita, così come quella per gli altri eventi community.

Maggio.
OneDrive for Business, su SharePoint Online, ha introdotto la nuova UI per le document libraries.
Il 10 maggio partecipo per la prima volta come speaker al .Net Campus di Roma.
Microsoft ha semplificato la gestione del Single Sign-On (SSO) per Office 365 e rilasciato nuove estensioni per la Power BI di Office 365 per l’integrazione verso SAP.
Gartner ha inserito Microsoft Azure nel “magic quadrant” delle soluzioni Cloud IAAS.
Il 27 e 28 si svolge la quinta edizione della SharePoint & Office Conference 2014, il più importante evento tecnico italiano dedicato a SharePoint e Office 365.

Giugno.
Nintex ha svelato la roadmap dello sviluppo dei propri prodotti, annunciando il rilascio della nuova ‘major release’ di Nintex Workflow (che sarà poi rimandata a inizio 2015).
Sempre in materia di roadmap, anche Microsoft ha deciso di rendere pubblica la propria in relazione all’evoluzione di Office 365.

Luglio.
Proseguono le azioni di irrobustimento di Microsoft Azure, con frequenti nuovi rilasci e acquisizioni. Anche Green Team completa il percorso che inserisce l’azienda tra i pochi Microsoft Partner italiani membri dell’Azure Circle.
Microsoft annuncia l’estensione a 1 TB per le site collection di SharePoint Online e l’estensione a tale limite la possibilità di far crescere i contenuti di OneDrive for Business.
Piccola nota personale: inizio per percorso di costruzione della mia nuova casa.

Agosto.
In agosto salto praticamente le abituali vacanze estive (ne pagherò prima o poi le conseguenze)… altro segnale della grande quantità di progetti.
Microsoft prosegue con i rilasci di nuove funzionalità su Office 365, con attenzione non solo alle funzionalità utente, ma anche a quelle rivolte agli utenti amministratori.

Settembre.
Microsoft rilascia Delve (e io resto incuriosito e perplesso sul nuovo strumento di Office 365), stupendo un po’ tutti quelli che –come me- si aspettavano l’arrivo di Oslo.
Per analizzare l’umore dei clienti e dei concorrenti, Microsoft rilascia i tool per il Social Listening.
Mentre tutti ci aspettavamo l’annuncio di Windows 9, il successore di Windows 8.1, Microsoft annuncia il “salto di numerazione”, e comunica che la prossima versione del sistema operativo si chiamerà Windows 10 (giustificando così un po’ di ritardo nel rilascio, e segnalando che l’upgrade sarà gratuito per i possessori di licenze Windows 7/8).

Ottobre.
Il cloud di Microsoft Azure viene giudicato come il miglior storage tra i competitor del cloud.
sempre in materia di storage si introduce ABS (Azure BLOB Storage) per esternalizzare sul cloud i contenuti dei siti SharePoint 2013.
Il 22 ottobre partecipo come speaker alla prima edizione della Cloud Conference Italia.

Novembre.
Microsoft rilascia le nuove versioni di Office e di Outlook per Mac, completando i rilasci delle versioni dei propri prodotti per piattaforme Apple (Office per iOS viene rilasciato agli utenti che hanno sottoscritto Office 365).
Insieme ai colleghi di BI Factory lanciamo il workshop sulla Business Intelligence su Office 365.

Dicembre.
Completo i percorsi di certificazione MCSA Windows Server 2012, MCSA Office 365 e MCSE SharePoint 2013, rispettando così gli obiettivi di aggiornamenti delle mie certificazioni professionali (percorso avviato nel lontano 1996).
Microsoft rilascia Office Video Portal su Office 365, offrendo la possibilità di caricare anche video di grandi dimensioni, beneficiando dell’integrazione con gli Azure Media Services.
Crolla un altro “tabù”, con l’integrazione di Salesforce con SharePoint Online.
Green Team consegue la terza competenza certificata Gold, segnale della qualità dei progetti, dell’innovazione e delle competenze del team.

Buon 2015 a tutti!

Più Office per tutti!

Grandi annunci da parte del team di Microsoft Office per il rilascio delle nuove release delle App di Office per iPhone, per iPad e per tablet Android.

image

L’offerta è, come per le altre novità rilasciate di recente, per i clienti di sottoscrizioni Office 365.

Interessante anche l’infografica che descrive che negli Stati Uniti (ma non è molto diverso dalle nostre parti) in media ogni utente utilizza 4 dispositivi (ricordo che le sottoscrizioni di Office 365 consentono all’utente di installare le applicazioni di Office fino a 5 PC/device), che gli utenti dedicano circa 162 minuti al giorno attraverso i propri tablet/smartphone, e che la produttività aumentata grazie alla diffusione dei dispositivi mobili ha ottenuto un incremento del 119% rispetto all’anno precedente.

Qualche dettaglio sull’enorme diffusione di Office (che ricordiamolo è sempre stato la “gallina dalle uova d’oro” di Microsoft):

image

I prossimi appuntamenti formativi di Green Team

Sarà una chiusura d’anno davvero intensa per gli appuntamenti formativi organizzati da Green Team.
Per comodità di chi legge, ecco un veloce riepilogo.

Cloud Conference Italia

Cloud Conference Italia

22 ottobre 2014
@Gradisca d’Isonzo (GO)
L’evento gratuito è organizzato walk2talk, e Green Team sarà sia sponsor che speaker con un paio di sessioni tecniche in agenda.

Workshop Cloud BI con SharePoint Office 365 e Power BI

11-12 novembre 2014
@Microsoft Innovation Campus, Peschiera B. (MI)
Il training è organizzato da Bi.factory e Green Team, e sul palco saranno presenti Franco Perduca e Igor Macori.
Iscrizioni a 500€, e a 350€ per chi si iscrive entro il 03/11/2014.

Mobile Learning Conference

image

3 dicembre 2014
@Sala A, Terza Torre, Regione Emilia Romagna, Bologna
Green Team organizza la prima conferenza italiana dedicata al Mobile Learning, con speaker italiani e internazionali sul palco. Un evento unico, gratuito ed imperdibile.

Mobile Learning Conference

Green Team organizza la prima edizione della Mobile Learning Conference, il 3 dicembre 2014 a Bologna.

image

Il mobile learning è già realtà, anche in Italia. I tablet, gli smartphone e altri device permettono di apprendere ovunque e in ogni momento. È tempo di dedicare più attenzione al fenomeno.

L’evento, patrocinato da Regione Emilia Romagna, SELF e Università di Bologna, vedrà alternarsi sul palco speaker italiani ed internazionali. L’agenda, ancora in fase di ultimazione, è decisamente interessante!

La conferenza è gratuita e si terrà nella Sala A della Terza Torre della Regione Emilia Romagna, in viale della Fiera 8 a Bologna.

Le evoluzioni di Nintex, cenni di roadmap

Nei giorni scorsi ho avuto l’opportunità di trascorrere un paio di giorni insieme ad alcuni importanti referenti di Nintex, incontrando alcuni clienti comuni e chiacchierando sulle evoluzioni dei prodotti.

Nintex è uno dei principali ISV impegnati nell’arricchire le funzionalità di base di SharePoint, noto soprattutto per i prodotti Nintex Workflow e Nintex Forms.

Il tool di workflow è probabilmente il prodotto più diffuso per estendere le capacità out of the box di SharePoint (3000+ clienti e 5 milioni di utenti licenziati), e segue coerentemente la filosofia della piattaforma Microsoft, sfruttando da sempre il motore nativo e le logiche dei tasks dei workflow di SharePoint (a differenza di altri tool che introducono un proprio motore do processo).

Con l’arrivo di Office 365 Microsoft ha forzato molti ISV a ripensare i propri prodotti, rinunciando alle logiche di Farm Solutions fino a quel momento adottate per applicare le funzionalità estese dei prodotti.

Nintex, così come altri produttori, ha quindi ripensato le proprie applicazioni, realizzando Nintex Workflow e Nintex Forms per Office 365, specificatamente concepiti per la nuova architettura di Apps e sfruttando le logiche di Workflow Manager (il nuovo motore di workflow introdotto anche su SharePoint 2013) hostato su Azure.

image

Le funzionalità tra la nuova e la vecchia architettura del prodotto presentano ancora un gap, che Nintex però ha promesso di colmare nei prossimi mesi con il rilascio delle funzionalità mancanti. Va ricordato infatti che l’attuale versione di Nintex Workflow 2013 è pensato per ambienti SharePoint on-premises e adotta ancora il “vecchio” motore dei workflow di SharePoint 2010.

Entro l’anno è tuttavia previsto il rilascio della nuova major release di Nintex Workflow 2013, che mutuerà gran parte delle funzionalità da quanto realizzato per la versione per SharePoint Online, sfruttando Workflow Manager anche negli ambienti on-premises.

Già oggi è possibile sfruttare i servizi offerti da Nintex Live per integrare Nintex Workflow 2013 con servizi sul cloud, applicando flessibili logiche “pluggable”.

L’ultimo componente dell’architettura è Nintex Mobile, che rappresenta una serie di Apps native per i diversi dispositivi mobile, che abilita gli utenti all’utilizzo dei componenti Nintex Forms e Workflow, anche con logiche di utilizzo offline.

Interessante il modello di licensing per i componenti Nintex Live e Mobile, che rientra tra i benefici della software assurance dei prodotti principali.

Va infine ricordato che Nintex Forms è una valida alternativa ai forms InfoPath, che come è noto Microsoft ha deciso di discontinuare.

Con la mia azienda, Green Team, abbiamo stretto da diversi anni una stretta alleanza con Nintex, consolidata anche con alcune attività di relazione diretta con il management di Seattle (Nintex è nata in Australia, ma oggi è fortemente presente a Seattle, vicino ai campus di Redmond). Nintex definisce spesso Green Team come il loro principale partner in Italia.

Ho finalmente capito che cosa è un Phablet

Ho avuto modo di testare per una settimana un Nokia Lumia 1320, grazie ad un’interessante iniziativa di @NokiaItaIia.

La prima impressione

Abitualmente utilizzo un Lumia 925, che ho acquistato un paio di mesi fa. Quando decisi di passare la Lumia 925 (partendo da un glorioso Samsung Omnia 7), il mio maggiore timore era legato alle dimensioni del dispositivo, che temevo potessero essere troppo grandi, per il tipo di utilizzo che ne faccio e per come lo porto in giro (spesso inserito nella tasca dei jeans).

Non appena è arrivato il 1320… l’ho affiancato al mio 925 (che a quel punto sembrava un “nanetto”)… e la prima impressione è stata: è troppo grande!

image

Da qui mi sono posto la domanda: ma per cosa o come lo utilizzerei?

Personalmente, per le ragioni descritte sopra, non lo utilizzerei come telefono di tutti i giorni… ma senza dubbio lo consiglierei a chi segue abitudini diverse dalle mie (es. utilizza una borsa, comoda per trasportare il 1320), e sarà in grado di apprezzarne i benefici.

Si tratta di un Phablet, e non di un semplice telefonino, e credo possa coprire gran parte delle necessità di chi oggi è orientato ad acquistare un tablet per il tempo libero e come second screen per il tempo libero davanti alla TV.

Il grande schermo

Il display da 6” si apprezza per molti aspetti:

  • chi non è più giovanissimo e inizia a soffrire di qualche problema di vista ne sarà felice
  • la maggiore dimensione dello schermo si traduce anche in una tastiera molto più semplice da usare, con i tasti delle lettere ben separati
  • gli elementi sullo schermo (eccetto per la schermata inziale) risultano nei fatti “zoomati”, mentre a mio avviso si sarebbe potuto sfruttare meglio il grande schermo, giocando con una maggiore risoluzione e con una differente ergonomia degli elementi
  • la schermata iniziale offre una colonna in più dove collocare i Tiles, rispetto ai dispositivi più piccoli, ed è senz’altro una cosa apprezzabile nella personalizzazione del dispositivo
  • alcune applicazioni, come certi giochi ad esempio, godono moltissimo della maggiore dimensione dello schermo (ad es. ho giocato con Fifa 2014 che è risultato decisamente più giocabile rispetto al mio 925)
  • la navigazione sui siti web e l’utilizzo professionale (ad es. su siti SharePoint, dove si preferisce la visualizzazione PC a quella mobile) è decisamente valorizzato, anche se una diversa risoluzione video avrebbe reso l’esperienza ancora migliore

image

I benefici

  • Il 1320, nonostante le dimensioni, è decisamente leggero. Credo che sia la prima sensazione non appena provi a sollevarlo.
  • Il rapporto qualità-prezzo lo considero decisamente vantaggioso (mentre scrivo questa recensione i prezzi del dispositivo oscillano tra i 260€-299€).
  • Ideale per chi soffre di problemi di vista nell’utilizzo di un tradizionale smartphone
  • Ottima autonomia della batteria, comparata con altri dispositivi, forse in grado di sfruttare il maggiore spazio nell’alloggiamento
  • Nonostante le caratteristiche del processore non siano quelle del top della gamma, l’utilizzo di applicazioni impegnative (es. Fifa 2014) è risultata più fluida rispetto al mio Lumia 925 (che sulla carta dispone di maggiore potenza)
  • Per il resto è un Lumia, quindi ricco di dotazioni di serie e di app per tutti i giorni che non c’è bisogno di evidenziare

image

I difetti

Non so se considerarli realmente difetti, ma per me lo sono stati:

  • con il device orientato orizzontalmente la tastiera occupa quasi tutto lo spazio sullo schermo, offrendo una tastiera molto comoda, ma rendendo sostanzialmente illeggibile quello che si sta scrivendo
  • mi sarei aspettato qualcosa di più dalla macchina fotografica, comunque buona… ma non quanto avrei immaginato
  • troppo grande per me: più “tablet” che “telefono”

Extra boost

Nokia, oltre al Lumia 1320, mi ha inviato anche un “”Nokia Extra boost””, ossia un USB Changer che è molto comodo per chi teme di non coprire l’autonomia della giornata o per chi viaggia spesso.
In pratica è un leggero cilindretto (la batteria), collegabile con un cavetto USB in una doppia modalità: da un lato il cavetto ricarica la batteria supplementare, dall’altro il cavetto trasferisce la carica dell’Extra boost al tuo Lumia, offrendogli immediata energia (nel caso fossi rimasto a secco) e consente la veloce ricarica del dispositivo.

image

La mia recensione è pubblicata anche su Ciao!.

Installare software, compreso Office per iOS, grazie a Office 365

Gli utenti di Office 365, ovviamente se hanno sottoscritto un piano tariffario adeguato, hanno il diritto di installare Microsoft Office sul proprio dispositivo (fino a 5 device per utente).

Molti di noi oggi utilizzano più dispositivi, e non solo il tradizionale PC. Basta pensare alla diffusione di tablet e smartphone…

Dopo aver acceduto al Portale di Office 365, fai clic sul link Impostazioni (Impostazioni: aggiornare il profilo, installare software e connetterlo al cloud), scegli Impostazioni di Office 365 (Office 365 Settings), quindu fai clic sulla voce Software dal menu di sinistra.

Da questa pagina potrai verificare se e su quali dispositivi hai già installato e attivato Office (eventualmente potrai disattivarlo se si tratta di vecchi dispositivi, al fine di tornare a disporre pienamente delle 5 attivazioni/utente).

Puoi scegliere anche la lingua e la versione (32 o 64 bits) dell’Office da installare.

image

Oltre alla possibilità di installare Office (sempre nella versione più ricca ed aggiornata), puoi scegliere, sempre attraverso il menu di sinistra, se scaricare il client di Lync, disponibile mentre vi scrivo sia nella versione 2013 che 2010.

Nella sezione Tools & add-ins hai la possibilità di trovare SharePoint Designer 2013, che potrai scegliere nella lingua più adatta e nella versione 32/64 bits.

I componenti Desktop setup sono oggetti che permettono di migliorare l’integrazione con i servizi Office 365 per quegli utenti che hanno deciso di continuare ad utilizzare anche le vecchie versioni di Office 2007 e Office 2010.

Infine la sezione Phone & tablet ti offre la possibilità di scaricare il software per il tuo device mobile, trovando a volte semplici link allo Store del dispositivo ed in altro casi le istruzioni necessarie:

image

Scegliendo ad esempio l’opzione iPad, verrai portato verso il sito business-apps.

In generale è possibile scaricare Microsoft Office Mobile per iOS da Apple iTunes

Istantanea iPhone 1

Istantanea iPhone 2

Si tratta di una soluzione molto attesa, e che nei primissimi giorni dal rilascio (pochi giorni fa) non ha riscosso un grandissimo feedback positivo, a causa della difficoltà di editing dei contenuti.

Personalmente, soprattutto per gli utenti iPad, il mio suggerimento è di non dimenticare la possibilità di visualizzare (in full fidelity) e modificare i documenti Office attraverso il semplice utilizzo del browser del device, grazie alla possibilità di salvare i propri documenti su SharePoint Online… il tutto grazie ovviamente al servizio Office Online.