Disponibili le Web Parts per integrare FAST su SharePoint

Come molti sapranno FAST, uno dei produttori leader nell'Enterprise Search, è stato recentemente acquisito da Microsoft al fine di potenziare ulteriormente il volume di fuoco espresso nelle tecnologie per la ricerca, e con l'ovvia conseguenza di guadagnare una nuova fetta di questo interessante mercato.

Ora su Codeplex sono state rilasciate le FAST ESP Web Parts, utili per integrare sui portali realizzati attraverso SharePoint le funzionalità di ricerca evoluta esposte da FAST.

Grazie a Betta per la segnalazione!

Nuova categoria: Enterprise Search

Ho pensato di aggiungere una nuova categoria per i miei post: Enterprise Search, aggregando così i post collegati a questa importante tematica, parlando di ricerca applicata a SharePoint (WSS/MOSS), Search Server 2008, FAST e altre tematiche collegate.

Del resto lo avevo annunciato nel post di "Buon Anno", che sarebbe stato uno dei temi caldi dell'anno 🙂

Non ultimo il fatto che Green Team, la mia società, è stata tra i primissimi partner Microsoft ad acquisire la specializzazione Search nell'ambito della competenza Information Workers della certificazione Microsoft Gold Certified Partner.

Indicizzare contenuti FileNet e Documentum attraverso SharePoint o Search Server 2008

Qualche settimana fa sono stati rilasciati gli Indexing Connector (Protocol Handlers) da installare su SharePoint (ma anche su Search Server 2008) per consentire l'indicizzazione di contenuti memorizzati su FileNet e su Documentum.

I nuovi connettori lavorano integrandosi verso queste versioni di prodotto:

  • EMC Documentum 5.3 (Service Pack 4)
  • IBM FileNet P8 3.5.1 o 3.5.2.

Per ora i connettori sono disponibili soltanto per piattaforme a 32-bits, e possono essere installati su MOSS 2007 SP1 e su Search Server 2008 (standard o express).

Ecco i link per il download:

ed un paio di video introduttivi:

Parlando di SLA

SLA cosa? Sì, SLA come Service Level Agreement.

Ossia, fra le altre cose, domandarsi qual è il livello minimo di servizio atteso (dal fornitore, dall'IT della propria azienda, ecc), dando un senso a quelle "parole" che uso sempre durante i miei corsi:

  • capacity planning
  • load balancing
  • cluster
  • ecc…

 Gli SLA vengono solitamente rappresentati in percentuali. Una volta ho sentito dire da un tecnico di un cliente: "Noi offriamo uno SLA del 90%"… detto così sembra "figo", ma si rendono conto che prevedono un disservizio (non raggiungibilità del servizio) di 37 (!) giorni all'anno?

 Anche i più "sboroni", che affermano lo SLA al 99%, sanno che il proprio amministratore delegato non potrà accedere ai sistemi per 7 giorni all'anno?

Scrivo quindi questo post per tornare a sensibilizzare su temi a me molto cari, quali quelli dell'alta affidabilità, dei sistemi (adeguati) per un backup/restore di qualità, per definire un buon piano di disaster recovery, per assicurarsi "il più possibile" di aver messo in piedi un sistema (SharePoint e non solo) nel migliore dei modi.

Qual è quindi lo SLA ideale? 100%? Utopia 🙂

Diciamo che uno SLA realistico a cui tendere è del 99,9%, ossia 30.588 secondi, 526 minuti, 9 ore… ovviamente nell'arco dell'anno 🙂

Aggiornare i progetti su Project Server 2007 via InfoPath

Segnalo un interessante progetto pubblicato su MSDN Code Gallery (da tenere d'occhio ormai quanto il buon vecchio Codeplex), dove si offre un intelligente metodo di aggiornamento dei progetti pubblicati su Project Server 2007 (EPM 2007) attraverso dei moduli InfoPath 2007 di tipo web-enabled.

Il progetto si chiama EPM 2007 Project Updater InfoPath Form.

L'idea è più che intelligente, visto che a volte risulta macchinoso ed eccessivo andare a realizzare personalizzazioni all'interno del sito di Project Web Access, abituale ambiente per consentire l'aggiornamento dei progetti da parte dei team di progetto.

I moduli InfoPath aggiornano i progetti passando attraverso PSI (Project Server Interface).

Ecco qua il link al progetto, completo come sempre del codice sorgente.

Is SharePoint the end of (portal) history?

Grazie alla gradita segnalazione di Gianfranco, voglio evidenziare un interessante articolo dal titolo "Is SharePoint the end of (portal) history?".

Tra le altre cose, si legge tra le righe:

  • 100 milioni di licenze utente, per un valore di 1 miliardo di dollari
  • "In fact, Steve went as far as to compare SharePoint to Kleenex, Band Aid, and Xerox — no one installs "portals" anymore, they install "SharePoint." This begs the question: does SharePoint represent the end-all of portal products?"
  • "What began as a simple collaboration utility in 2001, and morphed into a portal product in 2003, has become – at least in Redmond’s eyes – a full-blown information management platform. Together, Windows SharePoint Services (WSS) and Microsoft Office SharePoint Server 2007 (MOSS) are not just a content management system, knowledge management system, or portal, they’re just “SharePoint.” Clearly, SharePoint has become a central server platform for Microsoft, a venue for integrating basic Office products as well as various other Microsoft enterprise applications in a single environment."

Segnalo anche il rilascio da parte di CMS Watch dello SharePoint Report 2008, di cui è consultabile gratuitamente l'indice.

Integrare data sources verso SharePoint con Bamboo Solutions MashPoint

E' stata rilasciata la versione beta di Bamboo Solutions MashPoint, la nuova piattaforma per l'integrazione di fonti dati esterne verso sharePoint (WSS/MOSS), senza dover ricorrere ai BDC (Business Data Catalogs).

Altra ottima soluzione realizzata dagli amici di Bamboo Solutions, di cui Green Team è partner.

With MashPoint you can access databases, web services or Custom Providers in your SharePoint environment exactly as you would with the Microsoft Business Data Catalog.  Using Web Parts from Bamboo, you can quickly view and organize this data.  But you don’t have to use Bamboo Web Parts to leverage the power of this new platform. You can use MashPoint for free to build custom applications that consume data from outside your SharePoint environment. MashPoint protects your investment in custom development by providing a framework you can run on top of WSS, MOSS or MOSS Enterprise, 100% consistent with the standard BDC architecture.  If you are running WSS today, but planning or even contemplating a migration to MOSS, MashPoint is your integration method of choice.