Prendendo spunto da alcune considerazioni fatte dagli allievi che ho avuto in aula in questi giorni durante un corso su SharePoint, ripropongo un tema di discussione “antico”.


In una realtà che decide di adottare o introdurre una soluzione SharePoint (anche solo WSS 2003) per risolvere esigenze di document management, quanto è limitante non disporre di Office 2003 sui client?


Credo che una delle ragioni che possa -più di altre- giustificare l’upgrade ad Office 2003 (meglio se Office 2003 Professional o Enterprise Edition) sia proprio la nativa integrazione con SharePoint.


Esistono ancora un sacco di realtà aziendali dove non si è mai fatto l’upgrade, proprio perché -a ragione o a torto- si ritiene che le funzionalità delle precedenti versioni delle suite di Microsoft Office siano sufficienti alle esigenze degli utenti aziendali…


E’ garantito che questa affermazione spesso nasca da un cattivo utilizzo o da una cattiva conoscenza delle funzionalità di Office… (dove molti utenti utilizzano Word 2003 come avrebbero utilizzato Word 97!).


Con SharePoint le cose cambiano, l’integrazione nativa di Office 2003 si nota, ed appare appagante. Anche per chi deve decidere di spendere un po’ di soldini in licensing.


Per chi si trovasse ancora in un ambiente eterogeneo di versioni di Office, suggerisco un’occhiata ad un vecchio ma interessante whitepaper pubblicato sul sito Microsoft, dove sono comparate le funzionalità di Office 2000, Office XP ed Office 2003, rispetto all’integrazione SharePoint 2003.


A proposito… se state per pianificare oggi l’upgrade ad Office 2003… ricordatevi di acquistare la licenza comprensiva dell’opzione Software Assurance, pensando alle imminenti uscite di Office “12”, previste per il 2006. 🙂